mercoledì 13 settembre 2017

La blockchain e le criptovalute sono qui per restare e governare il mondo.

Personalmente, ho sempre pensato che i governi non sono l’unico male per il nostro benessere finanziario, e non solo nel campo delle criptovalute.
Ritengo infatti che una minaccia altrettanto importante, ma spesso troppo sottostimata, provenga dal comportamento delle persone, cioè da ognuno di noi…
Facciamo un esempio…
Nel campo delle criptovalute si discute spesso se queste ci consentiranno un giorno di fare a meno di banche e governi.
In teoria infatti, la tecnologia sottostante alle criptovalute, cioè la blockchain, consente di criptare dati sensibili in modo molto più sicuro rispetto ai sistemi attuali, e di validarli conservando l’anonimato dei possessori di quei dati, senza doversi rivolgere a una terza parte che faccia da garante.
In parole povere, visto che banche e istituzioni governative esistono proprio perché finora abbiamo avuto bisogno di loro per garantire l’incolumità e la validità dei nostri dati, con la blockchain ne potremmo fare tranquillamente a meno.
Questo in teoria, appunto…
Nella pratica invece, per sapere se davvero un giorno faremo a meno di banche e governi, non basta accertarci se esista o meno una tecnologia che ci consenta di farlo.
Molto più importante è capire se le persone la adotteranno o meno…
Infatti, può anche esistere una tecnologia rivoluzionaria, ma se nessuno la adotta, questa non rivoluzionerà un bel nulla.
Tutto questo preambolo serve a introdurre un fenomeno che sto osservando da un pò di tempo e che viene abitualmente interpretato in modo positivo, mentre per me costituisce una vera e propria minaccia all’uso delle criptovalute.
Parlo dei tentativi della finanza “normale” di appropriarsi di questo mercato.
Come dicevo, questo fenomeno non viene considerato negativo, anzi…
Tempo fa ad esempio si parlava del fatto che la Società finanziaria fondata dai fratelli Winklewoss aveva chiesto alla SEC (Security and Exchange Commission) il permesso di creare un fondo di investimento in bitcoin.
Quando il fondo dei Winklewoss fu rigettato dalla SEC, il prezzo di bitcoin ebbe un calo notevole.
Si sperava infatti che l’approvazione del fondo da parte della SEC implicasse una indiretta approvazione di bitcoin da parte di questa importante istituzione governativa.
La mancata approvazione implicava al contrario, secondo il senso comune, relegare bitcoin fra i paria degli asset di investimento…
Ci si dimenticava però che bitcoin era nato proprio per fare a meno della finanza tradizionale.
Che valore poteva avere per bitcoin l’approvazione di una istituzione che bitcoin stesso ha il potere di rendere del tutto superata?
Se questa ti sembra solo una questione accademica, ti faccio ora un esempio molto più pratico (e sorprendente) di come la finanza tradizionale e le criptovalute siano incompatibili, dimostrando che quando tentano di avvicinarsi, creano solo storture.
Anche se la domanda dei Winklewoss è stata rigettata dalla SEC, esiste già ora un altro modo per investire in bitcoin attraverso la finanza tradizionale, ed è il Bitcoin Investment Trust della Fidelity (GBTC, nel mercato OTC americano).
Osservando il comportamento di questo fondo, capirai all’istante dove voglio arrivare.
In apparenza, infatti, questo trust è una manna per l’investitore pigro.
Invece di imparare a usare le piattaforme apposite e i wallet per tradare le cirptovalute e conservarle nella blockchain, basta mettere un pò di soldi nel fondo e il gioco è fatto.
Purtroppo però l’investitore pigro è anche quello più soggetto alle fregature
E anche in questo caso, ne abbiamo la conferma…
Il grafico sotto mostra infatti che da giugno il prezzo delle quote di questo trust è arrivato a superare del 100% il prezzo del sottostante, cioè di bitcoin:
Il che significa che chi compra ora quote di questo trust è come se pagasse bitcoin a un prezzo più alto del 100% rispetto all’originale!
Non proprio l’affare del secolo!
Pensare che bitcoin e le altre criptovalute sono state create proprio per evitare le distorsioni della finanza tradizionale, rende ancora più triste e tragico (e anche un pò ridicolo) il fatto che ci siano persone disposte a farsi fregare in questo modo!
E qui torniamo al discorso iniziale…
Come dicevo, finché esisteranno persone del genere, tutta la tecnologia di questo mondo non riuscirà a migliorare di un millimetro le nostre condizioni di vita.
Ed ho il sospetto che, purtroppo, persone del genere siano la maggioranza nella popolazione mondiale.
Mi viene sempre in mente il fatto che da quando Hitler prese il potere (bada bene: attraverso regolari elezioni!) fino allo scoppio della seconda guerra mondiale, solo il 10% degli Ebrei si rese conto di ciò che succedeva e pensò bene di lasciare la Germania prima che le cose precipitassero.
Solo il 10%…
E questo non vale solo per gli Ebrei, vale per tutta la razza umana.
E’ nella natura umana avere bisogno di sicurezza e stabilità, possibilmente fornite da qualcuno che riteniamo essere migliore di noi…
La maggior parte di noi è disposta a sacrificare anche la propria autonomia per soddisfare questo bisogno.
Ecco perché c’è così tanta gente disposta a pagare bitcoin il 100% più del suo prezzo reale, pur di essere rassicurati dal logo e dal nome di “Fidelity”, la Società di gestione del fondo dotata di tutti i permessi e le approvazioni di rito.
Ora comprendi perché la finanza tradizionale è una minaccia per bitcoin e le criptovalute tanto quanto lo sono gli enti governativi e gli stati?
Il motivo è che, proprio come i governi, anche la finanza tradizionale fa leva sul bisogno di sicurezza e (mi si perdoni) sull’ignoranza delle masse.
E in più la sua affermazione è molto più subdola di quella dei governi.
Una notizia di oggi annuncia il lancio di Hedge Token, un nuovo indice che intende creare, attraverso derivati finanziari, dei benchmark sui prezzi delle principali criptovalute, proprio come, ad esempio, Standard & Poor ha creato un indice delle azioni delle principali società americane.
Anche in questo caso, la notizia viene dipinta come un progresso nell’uso delle criptovalute, ma tutti sappiamo ormai troppo bene che quando una singola istituzione si arroga il diritto di decretare il prezzo unitario di una cosa, si arroga il diritto anche di manipolarlo.
Sottrarre un bene alla continua regolazione del mercato e stabilire che il suo prezzo sarà fissato in base alle quotazioni di derivati finanziari, è il primo passo verso il suo controllo e anche la sua manipolazione.
L’esempio che abbiamo fatto prima del Bitcoin Investment Trust è la facile dimostrazione di quanto la finanza possa falsare il prezzo di qualcosa (e lo sta già facendo, nel caso di bitcoin), anche senza avere la chiara intenzione di manipolarlo.
Cosa succederebbe se il prezzo del Bitcoin Investment Trust (che abbiamo visto essere superiore del 100% rispetto al sottostante) diventasse il benchmark del prezzo di bitcoin al posto del prezzo stabilito tutti i giorni dal mercato?
Ecco, questo è proprio il meccanismo che Hedge Token vorrebbe instaurare. Lo stesso meccanismo perverso che ha prodotto false quotazioni clamorose, come quelle dei metalli preziosi, manipolate da anni dal London Bullion Market sotto il naso degli organismi di controllo.
Morale della favola: come andrà a finire la lotta incessante tra le criptovalute e il mondo finanziario tradizionale approvato dai governi e in combutta con essi per il controllo dei nostri soldi?
Nonostante questo articolo possa far pensare il contrario, non sono così pessimista da ipotizzare che il mondo resterà così com’è.
Nella blockchain c’è posto per tutti e credo che si arriverà a una situazione mista in cui da una parte, governi e istituzioni finanziarie si faranno le loro brave blockchain centralizzate (cioè addomesticate), che conviveranno con le blockchain decentralizzate, le sole che conserveranno tutto il potere “rivoluzionario” di questa tecnologia.
A quel punto, la lotta fra blockchain “buona” e blockchain “cattiva” non verrà più condotta a suon di divieti e imposizioni (che già oggi, come la Cina sta sperimentando sulla sua pelle, si stanno rivelando inutili per combattere la blockchain).
Piuttosto, la lotta si sposterà su campagne di persuasione finalizzate a convincere le persone a usare la blockchain “addomesticata”, che verrà pubblicizzata dai governi, con l’aiuto delle istituzioni finanziarie, come la sola capace di garantire “sicurezza” e “trasparenza”.
In questo scenario non molto lontano, temo che la maggior parte delle persone si farà abbindolare come al solito, barattando, in cambio di questa illusoria sicurezza, la propria autonomia finanziaria e la capacità di maturare rendimenti che oltrepassino i limiti molto ristretti consentiti dalla finanza tradizionale.
Spero però che non siano poche le persone che invece continueranno a sfruttare la blockchain indipendente (quella vera), che è stata creata proprio per consentire alla gente di riprendersi il controllo delle proprie finanze e di riconquistare il potere di generare rendite simili a quelle che i padroni della finanza oggi riescono a ottenere sulle spalle delle persone comuni.
Questa lotta è in corso già oggi.
Come ti ho appena mostrato, esiste già la prima “trappola finanziaria” che sta impedendo a tante persone di sfruttare i vantaggi delle criptovalute. E già altre “trappole” sono in corso d’opera…
Dall’altra parte della barricata però esiste un mondo in pieno fermento, quello delle blockchain e delle relative criptovalute, che ha la capacità di utilizzare a proprio vantaggio le sfide del mondo tradizionale per diventare ogni giorno più forte…
Dice bene l’articolo di Bloomberg dal titolo significativo: “Avanti, vediamo come farete a bannare le ICO!”: “c’è da chiedersi, dice infatti l’articolo, come può un governo vietare un fenomeno che oltrepassa i suoi stessi confini”.
La blockchain e le criptovalute sono qui per restare e governare il mondo. Non ho alcun dubbio su questo.
L’unica differenza sta nel modo in cui verranno adottate dalle persone.
Se diventerà un fenomeno virale come internet, tanto meglio.
Ma c’è anche la possibilità che il senso di insicurezza delle persone prevalga, facendo diventare la blockchain un fenomeno per élite ristrette che grazie ad essa conquisteranno un potere finanziario molto superiore a quello della gente comune, senza però la possibilità di diffondere la stessa libertà e prosperità a una maggioranza che non vorrà saperne di queste “diavolerie”.
In un caso o nell’altro, tu devi fare la tua scelta.




Fonte
https://www.blockchaintop.com/bitcoin-cina/
http://altrarealta.blogspot.it/

http://ideeinnovativeperguadagnare.blogspot.it/2017/09/la-vera-minaccia-bitcoin-non-e-la-cina.html

Nessun commento:

Posta un commento