lunedì 24 luglio 2017

UN GOVERNO DI SCAFISTI

Feltri, la verità sull'immigrazione: "Mezzo mondo ride di noi. Siamo lo scandalo d'Europa che ci chiede 'non salvate i naufraghi'"

L' Austria è un Paese serio e fa bene a difendere i propri confini nel lodevole intento di non essere invasa da stranieri provenienti dall' Italia. Se uno Stato rinuncia alla propria sovranità, lasciando le porte aperte a chiunque, non è più uno Stato vero bensì una associazione di sbandati senza dignità. Le nazioni sono tali solo se hanno leggi giuste e la volontà di farle rispettare con le buone e, se occorre, con le cattive.

L' Austria è rispettabilissima perché non usa mezze misure: per salvaguardare il proprio suolo ha dichiarato di essere pronta a schierare l' esercito al Brennero allo scopo di impedire alle orde di neri di passare la frontiera. Una iniziativa saggia, chi la critica o è sciocco o in malafede. Semmai sbaglia l' Italia a non agire come i nostri vicini di casa, ricevendo chiunque punti a sbarcare da queste parti e non incontra alcun ostacolo onde realizzare il proprio insano proposito.


Non abbiamo né la forza di opporci agli arrivi né quella di astenerci dal soccorrere coloro che hanno intrapreso la attraversata del mare. Subiamo l' immigrazione con la stessa rassegnazione che segue ad ogni calamità naturale: un terremoto, un' inondazione, roba del genere. Ogni dì giungono nei nostri porti migliaia di disperati che abbiamo strappato alla furia delle onde, sosteniamo spese che non ci potremmo permettere, abbiamo un welfare disponibile e costoso che non riusciamo più a finanziare, ma lo estendiamo a qualunque sfigato clandestino cui garantiamo assistenza sanitaria, medicinali gratuiti, vitto, alloggio e perfino argent de poche.

Non ci passa per la mente di stabilire un limite numerico e neppure temporale agli ingressi, cosicché continuiamo a ospitare gente stralunata convinta, erroneamente, che la penisola sia un Bengodi dove tutto è lecito: se commetti un reato te la cavi con una notte in gattabuia, se vendi mercanzia di sfroso gli addetti all' ordine pubblico chiudono un occhio o entrambi, se accoltelli un poliziotto dopo 24 ore ti scarcerano, se viaggi gratis sui mezzi pubblici nessuno osa disturbarti.

Si è consolidata la convinzione che in Italia sia lecito anche l' illecito. Pertanto folle di neri si apprestano quotidianamente a mettere piede nella nostra patria considerata terra di nessuno e quindi a disposizione di qualunque malandrino. E di malandrini ci siamo riempiti tra gli applausi e l' incitamento di amministratori incoscienti, predicatori dell' ospitalità che giudicano l' immigrazione salutare per l' economia interna.

Non c' è verso di mutare mentalità. Il governo è timido di fronte all' Europa che respinge i profughi anche con le armi, ma obbliga noi a raccattarli nel Mediterraneo e a mantenerli. Non ci ribelliamo nemmeno per scherzo ai diktat di Bruxelles, abbiamo perso orgoglio o forse non l' abbiamo mai avuto. Non siamo capaci di far valere le nostre ragioni di popolo esausto e impoverito, quindi autorizzato dall' emergenza a sospendere la attività di salvataggio naufraghi che implica ingenti spese, fuori misura rispetto ai bilanci afflitti dal debito pubblico.

È indubbio sia indispensabile dire a chiare lettere che nel giro di una settimana non andremo più verso la Libia per strappare all' annegamento gli africani, così costoro sapranno che non è il caso di partire. E se partiranno lo stesso confidando nella nostra generosità constateranno che abbiamo esaurito i buoni sentimenti. Non siamo diventati cattivi, applichiamo solamente i principi elementari dell' istinto di sopravvivenza.

D' altronde è di ieri la notizia che l' Ungheria, la Repubblica Ceca, la Slovacchia e la Polonia hanno inviato una lettera al premier Gentiloni esprimendo questo limpido concetto: se non sei all' altezza tu di frenare l' immigrazione, veniamo noi con le navi per insegnarti come si fa a scoraggiare gli invasori. Non bastasse, perfino l' esecutivo israeliano ha sfottuto l' Italia per la sua inettitudine a proteggersi dai barbari. Mezzo mondo ride di noi che facciamo i boy scout con le tasche vuote e le città dominate da affamati pronti a mangiare a tradimento. Poniamo fine in fretta a questo scandalo.

Caro ministro Minniti, impari dal suo collega austriaco a tenere la schiena diritta, impari dai polacchi, dagli slovacchi e dagli israeliani l' arte di non farsi schiacciare dagli ultimi venuti. Chi non pensa ai propri cittadini non è uno statista ma uno scafista. Che orrore.

di Vittorio Feltri

http://altrarealta.blogspot.it/




Nessun commento:

Posta un commento